Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy .
Hai accettato l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito

Contadi Castaldi
Franciacorta Collection

Scopri i nostri vini
Franciacorta Edizione new generation
Scopri
Franciacorta e vini Edizione Classici
Scopri

Alchimia della forma

Contadi Castaldi ha scelto per le sue bottiglie una forma rivoluzionaria rispetto alla tradizione. Il raggio di curvatura è più ampio, il collo della bottiglia è più corto ed il suo diametro è ridotto. Ne risulta un sostanziale aumento della superficie sulla quale si depositano i lieviti, che è pari a quello dei grandi formati Magnum o Jeroboam.

Un vantaggio di forma in grado di incidere sul contenuto. Tanto più ampia sarà infatti la superficie di contatto tra il liquido ed i lieviti depositati sulla bottiglia nella fase di affinamento, tanto maggiore sarà il grado di espressione gusto - olfattiva del vino grazie al ruolo dei lieviti, determinanti nel cedere sostanze utili allo sviluppo del bouquet espressivo di una cuvée Franciacorta

Design + funzionalità

Ogni singolo
settore della bottiglia
ha subito un’attenzione
specifica, solo così
è possibile raggiungere
i più alti livelli qualitativi
per l’affinamento
e conservazione
dei nostri vini.

Il collo della bottiglia

Si presenta più corto e con un
diametro inferiore alla media di
questa tipologia di bottiglie, si
ottiene una migliore proporzione
tra parte alta e bassa dell’artefatto.

Collo della bottiglia Contadi Castaldi

Il raggio di curvatura

È stato studiato per ottenere
maggiore ampiezza e garantire
una superficie di appoggio
più ampia, utile ai lieviti
in fase di affinamento.

Raggio di curvatura della bottiglia Contadi Castaldi

Il sentimento delle cose

Il sentimento delle cose Contadi Castaldi

...Lunga vita alle bottiglie di Contadi Castaldi.
Che rimandano al sentimento delle cose
predicato sommessamente da Morandi.
Che, infine – nell’intuizione di quel collo abbreviato,
di quelle curve dilatate in una placidezza nobile,
quasi materna, non possono non rammentarci
le plastiche ariosità di Costantin Brancusi
e della sua “Maïastra”,
una magica creatura dei cieli,
flessuosa e gagliarda ad un tempo,
nell’incanto sublime della perfezione delle forme”.



Gli ingredienti per un grande vino

Una cantina in grado
di esaltare al massimo
la ricerca e il lavoro
fatto in vigna

La fornace Biasca